Tiziana  Curti è membra del Comitato Operativo della Accademia Alfieri e si occupa della Biblioteca della Poesia italiana del Novecento che ha creato e dirige. Con questa sua poesia “CANZONE” si è distinta in vari premi letterari ed è stata anche una delle vincitrici del Concorso della RAI in collaborazione con il settimanale “Gente”. Nella primavera del 2003 è stata presentata in TV, su RAI  1 direttamente da Paolo Limiti. Giudizio critico: Tiziana Curti, una cesellatrice poetica, perché sa manipolare, con maestria, la versificazione traendone, non solo validi contenuti, ma anche una gradevole musicalità. Una poesia ispirata al sentimento d’amore che nella sua evoluzione travolge, coinvolge, appaga, entusiasma. Leggendola s’ha la chiara sensazione di una istintività creativa e fervida traboccante  sentimento, passione, esaltazione amorosa. “Canzone” è tutta una aspirazione, una costante attesa, una insistente richiesta..” Regalami una rosa / da mettere nell’incavo del seno..” ed ancora più oltre: ..” Ridestami il sapore / dei sensi addormentati / senza vane promesse / né calcolo di mosse..” C’è l’assillo di” un ultimo addio”, il timore che il sogno finisca. Non è facile descrivere lo stato d’animo di questi momenti esaltanti:. “Strane cose fa il cuore ,,” E’ vero, ci sono momenti di incertezza, di profonda delusione, drammatici crolli, desiderio di riemergere per poi ripiombare nel nulla. Alterne vicende  della terrena esistenza che soggiace alle leggi incontrollabili alle quali è affidato il destino umano. Il cuore, nella intensità passionale, si trasforma  in vulcano..” un fuoco traverso che sommerge..”. Ma non è soltanto la primavera la stagione propizia agli amori, anche altre stagioni, ossia anche altre età, vivono questi magici momenti. L’autrice, dopo aver riassaporato in tutto la loro gradevolezza i ricordi, cerca di acquietare il suo animo agitato..” non ti chiedo se vai / né quanto tempo ancora resterai..” . Un triste, doloroso addio che viene suggellato da un “ ultimo bacio, infine scende il pianto.”. Una creazione intensa di sentimento e di intima passione!

 

CANZONE

Regalami una rosa

da mettere nell’incavo del seno,

che versi il suo colore dentro il cuore.

Un’aria fascinosa

che spanda al vento polline di fieno,

regalami il mistero di quel fiore.

Ridestami il sapore

dei sensi addormentati

senza vane promesse

né calcolo di mosse,

come se i giorni fossero contati

ed ogni tuo saluto

fosse l’ultimo addio al labbro muto.

 

Strane cose fa il cuore,

naviga tra le nebbie e poi s’incaglia,

sulle secche sprofonda e poi riemerge,

a volte quasi muore.

Ed ora ogni confine ormai deraglia

dentro un fuoco traverso che converge

nel sogno e ci sommerge.

Non solo in primavera

senti i palpiti al cuore,

altre stagioni, amore

vive quella dolcezza della sera.

Non ti chiedo se vai,

né quanto tempo ancora resterai.

 

Edera abbraccio, come fosse un canto

e ascolto quel silenzio acceso dopo

l’ultimo bacio, infine scende il pianto.

 

Tiziana Curti

 

INDIETRO