DECLINO

Imperterrito, il Sol volge a ponente

tingendo a strie le nubi di vermiglio.

Poi, rubicondo il volto, parimente,

fa della Luna e della Terra il ciglio.  

 

Ma quando il ciel di porpora s’adorna,

l’Astro repente con la Terra eclissa

come un arcan bislacco… poi ritorna

l’atro sull’orbe a stabilir la rissa.  

 

La vita è come il Dì , lasso e fugace;

- chi vive il Sol levante ha la speranza

d’elidere contese ed aver pace.  

 

Poi quando il Sole assurge, l’arroganza

fa l’uomo indifferente e assai rapace;

ma perderà al tramonto la baldanza.

 

 

INDIETRO