Maria Dho Bono, nata a Ventimiglia il 17 dicembre 1926 e residente a San Remo, dedica tutto il tempo libero lasciatole dal ruolo di moglie- madre- figlia- nonna, alla poesia.                                                                                                                     I 20 volumetti di versi pubblicati hanno ottenuto tutti numerosi primi premi ai vari concorsi nazionali e internazionali. Numerose partecipazioni a radio e televisioni. Lettere di plauso di eminenti personalità. Autodidatta, è inclusa in varie antologie di poesia contemporanea. Giudizio critico: Se non conoscessi sufficientemente la pluriennale produzione poetico- letteraria dell’Autrice, vincitrice di numerosissimi primi premi ed io stesso non fossi un  ammiratore delle sue spontanee e scintillanti liriche, si potrebbe definire “questa” più che una poesia una “prosa”. Va tenuto conto che essa è stata “tratta” da un volume (Colori e profumi) quindi, non si tratta di una singola poesia ma di una delle “tante” e poi l’argomento è molto scabroso e di difficile spiegazione. LA POESIA “è” punto e basta…spiegarla è come voler spiegare l’anima…  Io stesso ci ho provato, quindi comprendo e resto “profondo estimatore” della poetessa Dho Bono. (Pasquale Chiaramida)

 

COS’E LA POESIA

 Non è cosa da poco certamente

definire a dover la Poesia!

Non è facile affatto! Specialmente ,

considerando appunto quanto sia

ostico tema ancor per tanta gente.

 

E’ forse un rivestir di fantasia

una realtà monotona, opprimente,

oppur un’inguaribil malattia

(da non curar però assolutamente!)

Fors’è innocua, pacifica pazzia

 

non sempre manifesta, ma latente

od è, magari, un’illusoria via

per addentrarsi in ideale ambiente

molto simile anch’esso all’utopia.

Qual tema controverso! Pertinente

 

a forse in accordabile giuria.

E cos’è dunque allora la Poesia?

Può davvero esser molto. Oppure niente.

Ma senza di essa…qual malinconia!

Quindi, al riguardo, se mi si consente,

 

vorrei proporre pur la mia teoria

-alquanto suggestiva ed avvincente-

che ritener mi fa la Poesia

quale prezioso cibo per la mente,

medicina allo spirito, armonia…

E qual voce del cuor, assai frequente.

 

Maria Dho Bono

 

INDIETRO