Pasquale Francischetti, poeta, critico letterario, operatore culturale. E’ nato a Napoli il 2 gennaio 1945.  Presidente  del “Cenacolo Accademico Europeo –   Poeti nella Società-  Associazione ONLUS”. Componente e presidente di varie giurie di premi letterari. Collabora a numerose riviste letterarie e ha scritto tantissime recensioni e prefazioni a libri. E’ presente in numerose antologie con poesie e scritti critici. E’ anche consulente letterario di molte case editrici.  Sulle sue opere  hanno espresso giudizi molto lusinghieri critici letterari ufficiali e poeti. Ha sempre rifiutato onorificenze a pagamento, ritenendo che la cultura, al pari della libertà, non si possa comprare. Questo lo ha ribadito nella trasmissione “Mi manda Lubrano”. Ha pubblicato 6 raccolte  di poesie e 3 di saggistica.  Giudizio critico: Simboli, metafore, emozioni dolcissime, sono “gemme” nel tessuto poetico di Pasquale Francischetti : Autore impegnato nel sociale, che sa far vibrare le corde dei più genuini sentimenti ed assurge, con i suoi versi, alle vette più ambite della poesia. E’ un magistrale interprete di un’arte che non conosce orizzonti, né confini.

 

 

LE LACRIME DELLA LUNA

 Stasera ritrovi la tristezza

come il bimbo che a Natale

non ha ricevuto alcun dono.

 Torna l’odissea delle stagioni

a tessere le file dei ricordi

che parlano di isole perdute.

Il futuro è un vuoto ignudo

chiuso nei confini del tempo.

un approdo su corolle di sogni.

L’inquietudine è uno scudo

che fa germogliare il grido

d’un giorno nudo e selvaggio.

Torna a possederti il desiderio

di violare vergini orizzonti,

toccare un’ombra, udire un’eco.

E penetri l’alba come un amante

mentre i fiori nel primo mattino

sbocciano le lacrime della luna.

 

PASQUALE FRANCISCHETTI

 

 

INDIETRO