IL SONNO

 Dormo,

ansimando.

Ogni processo vitale

è quasi del tutto cessato.

Anche il pensiero svanisce.

Vola via

come sfinge

nella notte più fitta.

Percepisco il vuoto

quasi assoluto

sfiorare

l’assenza

di vita.

Forse è la Morte.

……………..

Ma il pensiero ,

irrequieto e stanco,

riappare sul mio spirto .

E’ la vita!

Ora mi desto.

LA ROSA 

O rosa!

Sei diamante

tempestato di gemme

quando al mattino

di madreperlacea rugiada

ti foggi.

Sei un fiore

superbo,

leggiadro;

sei fresca, sei tenue.

Poi emani un intenso profumo

che inebria.

Ti odoro

è mi estasio d’amore.

 

 

 

 

 

INDIETRO