GIUSEPPE LAURIELLO  è nato a Ogliastro Cilento in provincia di Salerno. Primario pneumologo presso l’Ospedale “G.Da Procida” del capoluogo. Ha coltivato da sempre l’interesse per tematiche storico- mediche, pubblicando numerose disamine su riviste mediche letterarie. La presenza a Salerno dove vive da tempo, lo ha spinto tra l’altro ad approfondire alcuni aspetti relativi alla storia della celebre Scuola ippocratica con riflessioni e ricerche conseguite in periodici culturali ed esposte in Convegni Scientifici. Relative a questo settore due sue monografie: La patologia respiratoria nel dottrinario della Scuola Medica di Salerno e istruzioni per il medico, un manoscritto salernitano del XII secolo, pubblicato a cura del Centro studi e documentazione della Scuola Medica Salernitana. Giuseppe  Lauriello  scrive da sempre anche eccellenti poesie che appaiono su autorevoli periodici e antologie letterarie.  Giudizio critico: Nei momenti di ordinario avvilimento a volte basta osservare un ciuffo di viole, che spuntano timide ed esitanti, per ritornare con la mente agli anni passati, quelli della gioventù, in ambienti naturali – nello specifico l’alto Calore- dove era bello adagiarsi sui prati e sognare ad occhi aperti. Alcuni sogni il nostro Giuseppe Lauriello li ha realizzati, e questo ritorno alle origini può dargli quella giusta ricarica per operare sempre in funzione del bene.

 

 

RITORNO

 

Brandelli di sole nel grigio mattino,

un ciuffo di viole spuntate

nell’ampia radura assetata,

che schive, esitanti,

san dare a questi occhi crucciati

momenti sognanti.

Vetusto mio cuore,

reclino e avvilito,

tu vivi un ritorno,

un ritorno a quegli anni passati

silenti sui prati viventi

Un ciuffo di viole

dell’alto Calore.

gioiscono timide al sole

e sento tornarmi alla mente

quei fiori,

allora che tu sorridendo

mi chiami: “ Dottore! “

 

Giuseppe Lauriello

 (Poesia tratta dal volume “Navigando…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDIETRO